Stake nelle scommesse: Come Funziona?

0
16341

Quando si parla di “stake nelle scommesse” si intende indicare un valore che rappresenta la fiducia che la persona che scommette ripone nei confronti dell’esattezza del proprio pronostico, su un determinato evento o partita. L’esattezza del pronostico fa riferimento chiaramente al valore atteso previsto con lo stesso.

Detto in maniera molto semplice si tratta di stabilire esattamente quanto piazzare su una singola scommessa in base alla liquidità del mercato e al valore che noi riteniamo abbia quell’operazione che andremo a fare.

Lo stake, come sostengono i maggiori professionisti, è un fattore che si ricava dallo studio attento di determinati elementi. Per aumentare la probabilità di vincere alle scommesse bisogna necessariamente utilizzare un sistema di money management adeguato. Prima di buttarsi a capofitto nel piazzare le scommesse è giusto perdere un po’ di tempo a capire come ottimizzare la propria gestione del capitale.

Stake nelle scommesse: Cosa significa

Con l’espressione “stake nelle scommesse” si indica un valore di fiducia che è stato attribuito al pronostico appena realizzato su un certo match. Per calcolare lo stake, quindi si deve tener conto del pronostico.

Alcuni scommettitori pur avendo delle discrete capacità di analisi, e quindi riuscendo ad avere un valore atteso positivo (EV+) non riescono a fare profitto proprio perché non sanno gestire adeguatamente lo stake.

Solitamente quando si parla di stake si fa riferimento ad un sistema che prevede una scala da 1 a 10 in base al valore atteso che si possiede. Uno stake 1 significa che pur avendo l’evento del probabile oggettivo valore non si è certi di ciò che si sta facendo, invece un ipotetico stake 10 vorrebbe dire praticamente essere certi del fatto che l’evento abbia un valore atteso molto alto, quest’ultima cosa solitamente si ha esclusivamente con i match da insider.

Stake nelle scommesse: Il suo calcolo

Come già accennato, lo stake è un valore dato da 1 a 10. Questo valore serve per calcolare quanti soldi dover puntare su una singola scommessa. Per poter effettuare tali calcoli, prima si deve stabilire a quanto corrisponda una singola unità. La singola unità rappresenta il valore che diamo ad ogni stake. Un’unità è uno stake uno.

 

Ipotizzando di avere un capitale di euro 5.000€ potremmo decidere di operare con 20,00€ ad unità, ed utilizzare un sistema a gestione a stake da 1 a 4. Utilizzeremo uno stake 1 per quegli eventi su cui riteniamo ci sia del valore ma non ci convincono molto e utilizzeremo uno stake 4 per gli eventi su cui non abbiamo alcun dubbio e siamo certi ci sia un più che discreto valore. Poi utilizzeremo uno stake 2 e uno stake 3 come vie intermedie tra queste due situazioni.

 

 

Acquista il libro su Amazon a 4,75

Stake nelle scommesse: Come sceglierlo?

Per potersi regolare con lo stake bisogna necessariamente saper individuare quale sia il valore atteso che abbiamo su una partita, altrimenti se non dovessimo essere in grado di fare questo, non possiamo stabilire quale sia il miglior stake da utilizzare, e in tal caso bisognerebbe operare a flat stake, cioè piazzando sempre il medesimo importo.

Oltre a questo, non saper gestire lo stake rappresenta un grave svantaggio quando si scommette. Un vero professionista ha imparato a gestirlo perfettamente, e anche questo, oltre ad altri fattori, aumenta la probabilità di ottenere un esito positivo e fare quindi profitto.

Ipotizzando di dover piazzare un match da insider come mi è capitato nel mio prodotto di consulenza Football Pro, è normale che utilizzerò uno stake più alto rispetto invece ad una normalissima operazione di valore in cui il vantaggio non è enorme.

 

Come si può vedere da questo grafico dello storico ufficiale del mio prodotto Football Pro che ha generato 28.000€ di vincite nel 2023, noi siamo stati bravissimi a gestire correttamente gli stake, infatti le operazioni con lo stake 6 hanno uno Yield più alto rispetto alle operazioni con lo stake 4. Gli altri valori non sono da prendere in considerazione perché il campione statistico è poco rilevante.

Scopri Football Pro

Perché lo Stake nelle scommesse è fondamentale?

Ci sono numerosi casi di scommettitori piuttosto bravi ad individuare le operazioni di valore perché esperti di calcio o comunque dello sport sul quale scommettono, ma costoro non hanno una buona gestione del capitale e puntualmente finiscono per bruciare il proprio capitale. Avere una gestione corretta dello stake li porterebbe dal diventare degli scommettitori perdenti a diventare scommettitori vincenti e potenzialmente persino dei professionisti.

Nel corso degli anni ho conosciuto tante persone che se avessero avuto una gestione migliore del proprio money management avrebbero ottenuto risultati diametralmente opposti a quelli ottenuti. Quando non si è in grado di individuare operazioni di valore non c’è gestione corretta degli stake che tenga, si perderà comunque, ma quando si è in grado di individuare operazioni di valore e si perde per la gestione scorretta degli stake è un gran peccato.

Molte persone tendono semplicemente ad aumentare l’entità della loro scommessa quando perdono, questo non può che azzerare il loro capitale in un lasso di tempo breve, ed alimentare la ludopatia. Magari leggi quest’articolo su come recuperare i soldi persi alle scommesse. Noi che siamo dei professionisti sconsigliamo una gestione così scellerata, e invitiamo a giocare sempre con moderazione e con fare professionale.

Contattaci